enrico pistoni - La Farsa

Enrico Pistoni — La Farsa

Conosco Enrico Pistoni per ciò che i bit da lui creati hanno veicolato e tradotto nei miei numerosi dispositivi.
Per farla semplice, lo seguo perché con lui condivido la passione (il vizio?) dello svapo.

E, fino ad ora, Enrico Pistoni non era Enrico Pistoni. Bensì Ignoranz SvapoUn “personaggio” prima che una persona. Un “fenomeno” prima di una “vita”.

Insomma, in qualche modo, anche l’Enrico a telecamere spente è giunto in questi luoghi, attraverso il suo libro:

La Farsa, Jona Editore, 128 pagine, disponibile in e-book qui –> COMPRALO SU AMAZON

La Farsa - Enrico Pistoni

Ma prima, un passo indietro:

Chi è Enrico Pistoni, autore del libro “La Farsa”

Enrico Pistoni è l’uomo dietro “Ignoranz Svapo”, un canale youtube (ed una pagina Facebook, ed un profilo Instagram, come di rito) che parla di svapo in un modo molto poco patinato. Quasi grunge.

E per questo a me piaceva parecchio. Nell’era del perfezionismo stucchevole, dei video sporchi, autentici e vicini erano una boccata d’aria fresca.

Quindi Enrico “Ignoranz” conduce questa vita da youtuber e “vive delle sue passioni”: videomaking e svapo. Apre un negozio, va alle fiere, iniziano a riconoscerlo, a chiedere le foto. Il top dei vincenti, insomma.

Ritualità vuole che ogni youtuber che si rispetti prima o poi munga la vacca finché ha latte, ed esca anche nelle librerie un suo libro. È partito FaviJ, poi a ruota, carburati da chi il business ce lo vede e lo sa far girare, uno dopo l’altro i canali Youtube con più di centomila fan potevano candidarsi per occupare il loro posticino nelle Feltrinelli, Mondadori Store, Giunti Point, d’Italia, magari levandolo a Poe o Pessoa o anche solo a D’Avenia.

Ed eccoci allora, anche il nostro Enrico si fa il suo bel libro, sapendo di avere un pubblico consolidato a cui proporlo.

Biasimabile? Giammai! Queste sono (parte) delle nuove regole di mercato. Sarebbe da idioti non riconoscerle e, ancora peggio, non sfruttarle a proprio beneficio.

Nella tua lotta contro il mondo, stai dalla parte del mondo” diceva Zappa, e mai come ora ha ragione.

E allora “La Farsa” è l’ennesimo libro di uno Youtuber?

Col cazzo.

Questo è ciò che ho pensato una volta chiusa l’ultima schermata su Kindle, una volta finito il libro.

Enrico ha la malaugurata idea di portare una storia da anti-eroe nel luccicante mondo degli Youtuber. Mondo che negli ultimi anni è stato elevato a modello di vita e di aspirazioni quasi alla stregua del vecchio “studia, prenditi una laurea e trova lavoro in banca”.

Ecco, Enrico prende questo mondo sotto riflettori fatti in casa, se lo mangia, e lo ri-vomita con una sincerità disarmante e con una storia autobiografica agghiacciante e vivida.

Ne “La Farsa” Enrico racconta i retroscena che un comune mortale si terrebbe per sé fino alla tomba, con candore e volontà di cronaca, più che di racconto, a mostrare come quella vita non abbia un semplice rovescio della medaglia ma un vero e proprio “man-rovescio della medaglia“, che ti sbatte al muro nel migliore dei casi, oppure ti regala un biglietto di sola andata per uno di quei posti dell’anima dove perdi tutti i riferimenti e boccheggi cercando il filo di un’Arianna che ha troppi volti, troppe voci, diversi tra loro e discordanti.

Perché “La Farsa”?

La Farsa perché tutto il mondo che accade nel browser con inserito Youtube.com nella casella dell’indirizzo è un teatrino, una messinscena camuffata da vita reale, un Truman Show al contrario dove non siamo noi che guardiamo la vita di qualcun altro, bensì qualcun altro condiziona la nostra vita.

A volte perfino a pagamento. 

Ed Enrico, in un moto di rabbia, di necessità urgente di verità, compie il gesto risoluto di dire: “Occhio, che qui se non sei un ipertrofico vincente, c’è rischio di restarci dentro, di perdere te stesso”.

Nel libro quindi troviamo la storia degli ultimi due anni da Youtuber di Enrico Pistoni, non quelli di Ignoranz Svapo. Per quello, ci sono tutte le tracce che vuoi nei social di riferimento. Vattele a vedere.

Ma se vuoi sapere esattamente quanto costa la felicità di uno Youtuber anti-eroe, di una persona normale che parte per gioco e arriva a costruirsi una gabbia intorno a quella che fino a due anni prima era una delle poche occasioni di felicità, allora “La Farsa” è il tuo libro. È il libro che dovrebbero consegnare a chiunque apra un canale YouTube col desiderio di alzarci uno stipendio. Una sorta di disclaimer che vada a consigliare un “tieniti pronto”, ed un “tieni le spalle larghe”, ché non si sa dove quella strada ti porti.

Lo stile de “La Farsa”

Un libro urbano, cittadino, non underground ma sicuramente controcorrente.

In un mondo di vincenti e di idoli, Enrico ci da in mano un libro il cui stile ricalca nettamente quelle strade taggate, quei binari abbandonati, quel cocktail di passione, amore e droga che contraddistingue l’istintività della periferia.

Non è un libro per tutti. Questo sicuro. E non perché non sia leggibile, perché sia scritto male o abbia una trama poco avvincente.

“La Farsa” è difficile da digerire. Perché Enrico non si ferma a raccontare il perché e il percome del suo successo, invogliando e stimolando orde di ragazzini e wannabe che riempiono i centri commerciali quando questi idoli postmoderni e Warholiani fanno ospitate o firma-copie per monetizzare i loro 15 minuti di fama.

Enrico grida”maneggiare con cautela” in un coro intonato di “questa è la tua strada per il successo” e sottolinea il concetto con la sua storia personale. Senza troppe sfumature ad edulcorare il concetto. Finalmente un libro scritto in modo autentico.

Un viaggio in cui si sentono tra le righe basi rap sparate in cuffia per non sentire le voci fuori, e sopratutto le voci dentro. Una discesa nel baratro che, per fortuna, implicherà una risalita. Un viaggio di ri-scoperta di sé stessi quando le aspettative degli altri prendono il sopravvento e modellano troppo la tua vita.

Enrico con “La Farsa” uccide Ignoranz Svapo in favore di un Enrico Pistoni. Si ri-appropria di sé stesso. Mostrando il processo in modo pubblico.

Bravo e coraggioso, Enrico, ché a gridare “il re è nudo” sono quasi capaci tutti ormai, ma gridarlo quando sei tu il re della storia, è davvero tra le cose più difficili e inconcepibili in questa modernità. E tu lo hai fatto.

Un inchino.

D’

 

La Farsa, Jona Editore, 128 pagine, disponibile in e-book qui –> COMPRALO SU AMAZON

Commenti

comments