Diapostrofo — Franco e le Donne

    Poesie - diapostrofo

    Franco è un personaggio immaginario, non brutto, ma con poco successo con le donne. Ahimè, non sempre per colpa sua, a dire il vero.
    Uno che è “tarmente brutto che de segno zodiacale fa Scarabocchio“, e che riporta la sua personale soluzione al suo problema annoso.

    La scrittura in romanesco, è una scelta ironica, perchè certe sonorità sono migliori di altre, quando si parlano gli italiani.

    Ne consegue che sia abbastanza zeppa di errori formali, me ne scusino gli autoctoni dell’Urbe (eventuali consulenze linguistiche sono molto ben accette), ma essendo un Normanno, chiedo le circostanze attenuanti.

    Franco e le Donne

    Piacere m’antitolo Franco e nun so’ cattivo
    magari avvorte me ‘ncazzo ‘mpoco
    ma me passa nfretta e me ripijo
    perché è favilla quel che pareva foco.

    Io c’ho ‘n problema con le donne
    un problema antico e tanto grosso
    che me fa’ correr dietro alle gonne
    e che me fa soffrì a più non posso

    È partito già all’asilo dalle suore der martirio
    ce stava una che me piaceva naa classe dei bblù
    lei me guardava ntanto che suor Penosa je metteva ‘r collirio
    E io stavo a colorà er disegno de Ggesù

    Ma poi che tra la mensa e er riposino
    io je feci un fiorellino cor pongo
    lei s’abbacchiò proprio ‘n tantino
    e se magnò ir fiorellino tondo tondo.

    In terza elementare me ‘n vaghii
    d’a maestra che nzegnava Ginnastica
    nei spojatoi e in infermeria ce provai
    ma riuscii sortanto a toccarje ‘na natica

    Lei s’accorse e mi sospese
    tre ggiorni de vacanza assicurata
    Dar mi’ babbo e da mi madre le avrei prese
    perché d’a scuola nun se poteva perde manco n’a ggiornata.

    Ar liceo ‘na vorta stetti co’ na pischella
    che se fumava canne a ciminiera
    ci aveva i rasta, ir pirsing ed era bella
    e se sfonnava ‘r fegato co’ l’anima nera

    Ma a me la liquirizia nun me piaceva
    e a lei je piacevano i più grandi
    gente che viaggiava fumava e leggeva
    e tra na botta e na bottija, je parlavano de Gandhi.

    Pe’ non parlà ‘na vorta, all’università
    dove ce stava una che pe’ ricerche sur campo
    s’era annata a letto con quasi tutta ‘a facoltà.
    Mancavo solo io e l’usciere, e mi venne il lampo

    De tentà ‘r colpaccio, così, per curiosità
    Sul bello de fasse avanti ‘sta cretina
    s’era fatta lesbica, pe’ moda, in verità.
    Ed io tornavo, bello ‘ncagnito , da solo giù in città.

    Poi so stato anche co’ ‘na maritata
    che se scopava come du pischelli
    Lei se professava innamorata
    ma c’aveva du’ figlioletti tanto bbelli

    Alla fine ha vinto l’amore per la famiglia
    ma soprattutto per le du’ Porche, la BMW e la villa
    e triste sul lungomare de Ventimiglia
    tornavo mogio mogio alla solitudine che m’assilla.

    E allora.

    Alla fine de sto macello co’ na femmina me so’ messo
    che m’appaga, ma è un po’ pelosa
    ja puzza ‘n po’ ir fiato, t’o dico adesso
    e se c’è d’annà ar ristorante non è cosa

    Che quella è anche brava, la piccina,
    ma se se fissa che ce sta, che ne so, à costata,
    T’o ggiuro, me pija, e me tira fino ‘n cucina
    e vole assaggià tutta à portata

    E tutti già me dicono che è na cagna
    Eppure a me me piace quando se pija
    e se va nzieme a fa ‘n giro in campagna
    e lei sta libbera come ‘n cavallo senza briglia.

    E pure se sto zitto nun se lagna
    ha du’ occhi grandi, e la chiamo Luna
    Perché tra un bicchier di vino e ‘na lasagna
    nun te chiede de stà preciso come una

    Che aspetta i tu’ sbagli pe’ pijarte in castagna

    Cos’è la femmina mia, l’avrete capito
    nun sarà bbella, o ‘n particolar modo intelliggente
    ma la femmina der border collie, è ‘r mio cane preferito
    Ed il meglio che ho trovato,

    in mezzo a tanta ggente.

     

     

    Commenti

    comments